Stress e COVID-19

TI SENTI STRESSATO IN QUESTO PERIODO DI ISOLAMENTO?

PROVI ANSIA PER IL CONTAGIO DA CORONAVIRUS?

PROVI PAURA O ANSIA IN QUESTO PERIODO DI QUARANTENA ED ISOLAMENTO?

SEI PREOCCUPATO PER I CAMBIAMENTI CHE IL VIRUS STA INDUCENDO NELLA TUA VITA?

HAI PERSO UN FAMIGLIARE CON CORONAVIRUS?

STAI ASSISTENDO UN FAMIGLIARE CON CORONAVIRUS?

SEI UN OPERATORE SANITARIO IMPEGNATO NELLA LOTTA CONTRO IL CORONAVIRUS?

 

RIVOLGITI al nostro CENTRO SPECIALISTICO DI PSICOLOGIA, ti aiuteremo e supporteremo in questo momento di difficoltà emotiva.

Poliambulatorio San Francesco Brescia

 

Possibilità di colloqui on line tramite piattaforme Skype, Zoom oppure video-chiamata WhatsApp

Per maggiori informazioni contattate il Centro Medico Specialistico San Francesco alla mail assessment@poliambulatoriosanfrancesco.it, ai recapiti 030381810-030397640 (dalle 9 alle 12) oppure al 3494400435.

 

Dott.ssa Elena Franco - Centro Specialistico Psicologia Brescia
  • Coordinatore Centro di Vertigine, Acufeni e Stress
  • Dottoressa in Psicologia Clinica
  • Psicologo iscritto all’Albo degli Psicologi della Lombardia n° 21658
  • Counselor Sistemico
  • Dottoressa in Farmacia

 


 

Il Coronavirus, noto anche come COVID-19 ha indubbiamente cambiato la nostra vita. Durante questo periodo di emergenza dovuto al Coronavirus siamo costretti a non uscire, a ridurre i contatti sociali e a limitare le nostre usuali attività quotidiane per contenere il rischio del contagio.

Ma cosa comporta questo da un punto di vista emotivo?

Possono emergere emozioni di rabbia, ostilità, frustrazione, senso di impotenza, insonnia, stati d’ansia e talvolta sintomi depressivi. Ci sentiamo impauriti, preoccupati e stressati. Ma cosa è lo stress e come si manifesta? Lo stress è il modo che usa la natura per avvisarci del pericolo: prepara il corpo alla modalità di lotta o di fuga. Lo stress è attivato dal sistema cervello-mente dal quale partono due vie: ipotalamo-ipofisi-surrene e simpatico-midollare. Dalla via ipotalamo-ipofisi-surrene si attivano reti endocrine con rilascio di ormoni come il cortisolo che modificano l’attività immunitaria, metabolica del cervello. La via nervosa si basa sull’attivazione del sistema nervoso simpatico che innerva tutti gli organi del nostro corpo come ad esempio occhi, cuore, polmoni, stomaco, reni, intestino e vescica e che agisce anche sul midollo delle ghiandole surrenali, inducendo un aumento della produzione di adrenalina e noradrenalina.

In situazioni di stress tutta l’energia disponibile viene finalizzata al fronteggiamento della minaccia ed utilizzata dall’organismo per l’attivazione di meccanismi di attacco-fuga. In tale situazione la respirazione diventa più accelerata per fornire più ossigeno al sangue, il cuore accelera per aumentare la circolazione, mentre le attività non necessarie nella situazione di emergenza, come ad esempio la digestione, vengono bloccate. Tuttavia quando i circuiti dello stress vengono attivati in modo cronico si modifica la regolazione neurovegetativa (iperattivazione simpatica), ormonale (eccessiva produzione di cortisolo) e immunitaria modificando l’attività di organi ed apparati (cardiovascolare, metabolico, respiro, stomaco, intestino, muscolatura) ed impedendo all’organismo di ristabilire una funzionalità adeguata.

Per questo risulta importante intervenire tempestivamente sullo stress in modo da potenziare le abilità di adattamento e il benessere personale.